Cos’è un INCI? Come riconoscere se un prodotto è buono o dannoso?

L’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è l’elenco degli ingredienti cosmetici espresso secondo una nomenclatura standard.



Bè questo è ciò che dice Wikipedia e potete trovare tutte le informazioni più approfonfite qui http://it.wikipedia.org/wiki/INCI


L’inci, detto in parole povere, sono gli “ingredienti” che si trovano in un prodotto, ai quali quasi mai nessuno dà conto, sia perchè è scritto sempre troppo piccolo, sia perchè non si capisce un H di ciò che c’è scritto.
Non a caso, è su questo che gioca la pubblicità, sulla nostra ignoranza, perchè se in una pubblicità dicono che c’è  la “polvere di diamanti” in uno shampoo, noi non sappiamo vedere se in realtà c’è o meno, quindi partiamo dalla prima nozione di base che è DIFFIDATE DELLE PUBBLICITA’… (quando imparerete a leggere un INCI, inizierete a ridere di tutte le pubblicità dei cosmetici).


Siccome all’inizio risulta impossibile ricordare tutti quei nomoni astrusi prensenti negli inci, io all’inizio iniziai a perlustrare la casa, e sottoponevo a controllo tutti i prodotti per la cosmesi che usavo.
Shampoo, creme, bagnoschiuma, trucchi eccetera eccetera.



Ora vi starete chiedendo “ma come faccio a controllare un inci?”, è facilissimo, qualcuno ha fatto già il grosso lavorone per noi.
Esiste un sito che si chiama biodizionario www.biodizionario.it , dal quale possiamo cercare gli ingredienti, trascrivendo nella casella del search un ingrediente presente nel prodotto preso in considerazione, e il sito mostrerà dei pallini con dei colori del semaforo, ma qui bisogna stare ATTENTI.


Soffermatevi alla homepage del sito, leggete bene cosa c’è scritto perchè è tutto molto relativo; in primis perchè chi gestisce il sito dà un suo parere sui prodotti, quindi è un parere oggettivo, oltretutto è un ECO-BIOdizionario, siccome tiene conto in primis della persona, poi degli animali e anche del nostro pianeta, vi faccio un esempio, per le mie creme uso un addensante che si chiama carbomer, non fa male alla pelle, però essendo di origine sintetica si merita un pallino rosso secondo il biodizionario.


Quindi senza dubbio bisogna informarsi e andare sul biodizionario a cercare di capire, ma d’altro canto bisogna essere critici, perchè se no tutto ciò si trasforma in una sorta di terrorismo, e avrete paura a toccare qualsiasi cosmetico.


Voi quindi iniziate a prendere confidenza con gli Inci, vi lascio qui i alcuni nomi degli ingredienti da evitare assolutamente e col tempo ve ne parlerò spiegandovi il perchè.
-Petrolatum, paraffinum liquidum, mineral oil <== clicca qui per saperne di più
-Tutte le cose che finiscono in -one, -thicone, -ane o -siloxane (sono dei siliconi)
-i PEG e PPG
i DEA, MEA, TEA, MIPA
L’EDTA
la triethanolamine
i triclosan, dmdm hydantoin, imidazolininyl urea, diazolidinyl urea, formaldheyde, methylchloroisothiazolinone, mthylisothiazolinone, sodium hydroymethylglicinate
-chlorexidine
anche i C seguiti da un numero dispari, sono sintetici.


Ah tutte le cose che so, le ho imparate tramite il forum di lola, all’inizio vi sembrerà di essere in un mondo a parte, poi col tempo imparerete a navigare nel forum, troverete l’elenco di tutti i prodotti in commercio, con gli inci già recensiti da esperte, ve lo consiglio davvero.


Molte informazioni le trovate anche qui http://www.saicosatispalmi.org


Spero di avervi chiarito qualche dubbio,
alla prossima,
baci da Calliope 😀 

 Vi suggerisco questi post: (Cosa fa male alla nostra pelle? –  Parte I  – Parte IIParte III )