Capelli rossi hennè (prima e dopo): la mia storia capillifera

capelli rossi hennè

Hola chicos, finalmente eccomi qui a parlare di capelli, questa volta si tratta di un post particolare, che dovrei definire individualistico.

Ebbene sì, parlo di me, dei miei capelli, e di come in 2 anni ho cambiato la mia routine capilifera.
IMG_2903Era il 18 luglio 2010 quando ho tagliato i miei capelli, era la prima volta che li facevo così corti, (nella foto era già passato un mese dal taglio, quindi erano ancora un po’ più corti).
Prima avevo un taglio scalato, e la fine della scalatura riusciva ad arrivare anche al punto vita, peccato che erano capelli rossi hennèsfibratissimi, e stracolmi di doppie punte.
Quando finalmente tagliai tutta quella massa di capelli, per me fu una gioia immensa. Se toccavo i miei capelli, toccavo solo capelli sani, senza doppie punte, morbidi, bellissimi.
La bellezza di non dover aspettare ore prima che si asciugassero, certo i limiti ci sono sempre, ad esempio non potersi legare i capelli in modo decente, non poter fare pettinature particolari, ma ovviamente si cerca di prendere sempre i lati positivi delle cose.
Il colore dei miei capelli è sempre stato un colore abbastanza chiaro, ovviamente tutto dipende dalla stagione e dall’esposizione dei capelli al sole.
Il mio colore tende sempre al cenere comunque, mai al dorato o al rossiccio, insomma che sia più chiaro o più scuro i miei capelli tendono al grigio, ed è una cosa che ho sempre odiato.
Nelle foto potete vedere quanto fossero sfibrati i capelli, ormai secchi, aridi e pieni di doppie punte.
capelli swiiish
La “forma” dei miei capelli varia a seconda dell’umore, ovviamente non sono lisci (come avrete potuto notare), ma vanno dal mosso al riccio, o forse a volte bisognerebbe definirlo gonfio, perchè non si definiscono granchè, sanno solo che devono gonfiarsi ed essere voluminosi.
Questo fatto che i capelli non siano definiti, tutto sommato, li aiuta di più a tenere la piega, nel senso che se il parrucchiere mi liscia i capelli, i capelli reggono fino allo shampoo successivo (se me li liscio io no), o similmente se mi faccio i ricci coi bigodini, i capelli reggono i ricci tranquillamente (a meno che non ci dorma sopra, e si appiattiscono un po’.
In genere posso definirli versatili.
Infine un tempo li avevo molto doppi e resistenti, dopo un problema ormonale, purtroppo, sono diventati molto fini e fragili, oltre la qualità ne ho perso anche di qquantità, non ne sono tantissimi come un tempo (ma vabè ormai me ne sono fatta una ragione).
 CaPELLI biondi
Comunque, a parte questa parentesi, che serviva per spiegarvi un po’ la natura dei miei capelli, ora passiamo al “cambiamento”.
Nell’agosto 2010 tramite il sito capellidifata.it conosco finalmente l’hennè, mi informo sulle sue proprietà (per maggiori informazioni sull’hennè clicca QUI), e mi lascio convincere, e faccio il mio primo hennè dell’erbamea (comprato in erboristeria a 2 euro e 60 l’etto), che non mi colora niente, se non che mi secca molto i capelli.
Ritorno dall’erborista che mi suggerisce di comprare un riflessante, chiamato hennè in gel dell’erbolario.
NON COMPRATELO

NON COMPRATELO

A differenza del primo hennè che feci (che era una pappetta schifosa e puzzolente), quest’hennè in gel già pronto aveva un odore buonissimo, ed era molto comodo da applicare, ero stracontenta quando lo applicai, ma meno quando vidi i risultati, non ero uscita rossa, ma ero uscita più scura, questa cosa mi deluse non poco.

Sconfortata decido di lasciar perdere l’hennè fino a che, un giorno a roma entro in un erboristeria dove decido di comprare un hennè con picramato, ormai volevo vedermi rossa, anche se sapevo che il picramato non faceva granchè bene (per info sul picramato clicca QUI).
Lo provai e per la prima volta nella mia vita mi vidi con un colore diverso.
Ero un rosso ciliegia assurdo. Molto poco naturale.
Negli interni non si vedeva molto, mentre al sole si vedevano quei riflessi belli ciliegiosi.41263_439089002854_2637996_n
Per quanto fossi contenta che finalmente ero rossa, non ne ero contenta abbastanza, la tonalità non era quella desiderata (volevo un carota o rame), e quindi dopo novembre lasciai perdere i vari tentativi di schiarimento/sbiadimento di questo rosso artificiale, e decisi di lasciare andare la ricrescita fino a che non sarei ritornare del mio colore naturale.
Ma il tempo vuole che dopo alcuni mesi, giugno 2011, la mia ricrescita è mostruosa, che finisco per odiarla. Oltretutto con l’arrivo dell’estate subentra ancora di più la voglia di essere diverse, quindi decisi di rifare l’hennè.
Mi informai su quale fosse l’hennè migliore che mi avrebbe dato l’effetto desiderato, cioè carota/rame… ohhh si il Tazarine
Una volta avuto tra le mie mani iniziai a formulare la composizione migliore che mi avrebbe fatto diventare del colore desiderato, quindi camomilla, curcuma, zenzero, miele, insomma di tutto che mi avrebbe accentuato il dorato e quindi dato i riflessi più arancioni che potevano.
Per suggerimenti e consigli su come schiarire i capelli in modo naturale clicca QUI
Così che diventai finalmente il mio agognato rame, ma che tendeva di più al biondo, ed era ancora troppo sbiadito..DSC03941
Quindi continuai a fare hennè, curavo i miei capelli, e a volte per non rendere il colore troppo scuro schiarivo con la lozione schultz, ovviamente avevo cura di nutrire i capelli sempre di più, iniziai anche l’uso di erbette indiane, fino a che non ho stabilito il mio colore in definitiva.
Finalmente sono un bel rame, il mio adorato rame, lo adoro tanto il mio colore, molti mi credono una rossa reale (le lentiggini mi aiutano molto).
Mi piace tanto, oltretutto la più grande soddisfazione è ricevere i complimenti per il colore, perchè al di là della questione che sono tinti, ma per me ricevere i complimenti è come ricevere i complimenti alla mia capacità di essere riuscita finalmente a dare ai miei capelli il colore desiderato.
Mi fa male dire di non essere rossa (perchè tutto sommato lo sono, mancano solo i capelli), ma vabè ormai 🙂
Ora sono quasi 2 anni che non taglio i capelli, certo qualche doppia punta esce, ma potete ammirare voi stessi la salute dei miei capelli. Ripeterò sempre che l’hennè è stato la salvezza per i miei capelli.
Vi lascio altre foto dei progressi dei miei capelli, di come sono cresciuti da settembre 2011 ad oggi.
Settembre 2011
DSC04997
Febbraio 2012
100_2810
Giugno 2012
100_2950
Agosto 2012
aadfd (2)
Dicembre 2012
capelli rossi hennè

Luglio 2014 – dopo varie spuntatine fatte nel corso di un anno e mezzo

20140724_123750

 

Agosto 2014 – capelli tagliati e hennè scurito troppo

102_4281

 

 

Si nota che col tempo il colore si è scurito un po’… dovrò cercare di schiarire un po’ i capelli.

 

Spero vi sia piaciuto questo post, per domande o dubbi non esitare a contattarmi.

Per rimanere sempre aggiornato clicca “Mi Piace”

Un bacione da Calliope
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...