Part III: Cosa fa male ai nostri capelli? Consigli per curare i capelli

Salve a tutti, rieccoci con la rubrica “Cosa fa male alla nostra pelle?”, ma stavolta variamo un poco il tema, e sapete bene di quanto ci tengo ai miei capelli, quindi parleremo di capelli.

Come abbiamo già affrontato nella Parte I e la Parte II, e visto che ormai abbiamo consapevolezza nell’INCI (Cos’è un INCI?), sappiamo bene che i primi prodotti da evitare  sono i prodotti che hanno quasi all’inizio dell’inci i derivati del petrolio o i siliconi.

I capelli sono come la pelle, solo che non assorbono, e viene creata una patina su di esso, inoltre i capelli sono morti, una volta che spuntano non hanno vita propria, se si spezzano, se ci sono le doppie punte non c’è nulla di miracoloso che attacchi le punte, le punte andranno tagliate, se i capelli sono sfibrati non c’è nulla che rimpolpa, la soluzione è tagliarli solamente.

Quindi ci tengo a dirvi che non dovete credere alle stronzate, e si sono stronzate, che vi propinano in tv, i cristalli liquidi non riparano niente, nessun balsamo riattacca le doppie punte, ed i capelli NON POSSONO essere rigenerati in alcun modo se non tagliando solamente.

Quindi appreso che i capelli non devono essere curati dopo un trauma, ma andrebbero curati prima del trauma, così da prevenire le doppie punte, stavolta vi spiego cosa usare e cosa non, per tenere i vostri capelli in forma.

Finalmente avete tolto tutte le vostre doppie punte dai capelli, facendo un bel taglio, ora non ci tocca che prendercene cura ed usare delle regole:

– Come abbiamo ripetuto una marea di volte, da evitare prodotti contenenti i siliconi,
i siliconi danno l’impressione che i capelli stiano bene, in realtà stanno soffrendo. Quindi niente cristalli liquidi (per info clicca QUI), niente cera per capelli e niente balsami siliconici, per non parlare anche dei termoprotettori (sul perchè clicca QUI).

– Vi sarà stato detto non sto quante volte dalle vostre madri, ma niente piastra, la piastra aiuta tantissimo la formazione delle vostre doppie punte, di certo all’inizio sarà stupendo avere dei capelli liscissimi e perfetti, poi dopo un mese troverete quegli antiestetici pallini alla fine dei capelli, belli vero?

– Similmente per la piastra, evitate la cotonatura del capelli, è il modo più veloce (e non scherzo) per far comparire le doppie punte.

– Non usare il phon ad una temperatura molto alta, e nè che il getto d’aria che vada da sotto a sopra, le cuticole del capello sono chiuse verso il basso, se il getto d’aria va da sotto verso sopra, la cuticola del capello tenderà ad alzarsi creando le doppie punte.

Niente lacca nei capelli, la lacca contiene l’alcol, e l’alcol secca tantissimo i capelli, se proprio non potete farne a meno esistono tantissimi metodi alternativi per creare una lacca eco-bio fatta in casa ed economica.

– Non fare tinture chimiche, penso sia anche la regola base, le tinture chimiche sono talmente basiche da fare aprire le cuticole del capello per far penetrare meglio i colori, ma ciò indebolirà di tantissimo i capelli.

– Evitare di schiarire troppo i capelli, questa è una questione particolare, purtroppo i capelli per essere schiariti necessitano di togliere cheratina dai capelli, e ciò indebolisce sicuramente i capelli, se proprio volete farlo, vi consiglio metodi meno aggressivi e che aiutano i capelli a stare meglio dopo il trattamento, vedete qui –> Schiarire i capelli in modo naturale.

Penso di aver detto tutti i NO,
ora passiamo ai piccoli accorgimenti e ai consigli su cosa usare:

– Fare un impacco nutriente o idratante una volta a settimana o ogni  settimane ( come l’hennè)

– Spazzolare prima le punte e poi passare pian piano alla parte del cuoio capelluto.

– Fare una treccia prima di andare a dormire, eviterà la comparsa di nodi.

– Legarli quando si va in giro per la città evitando che lo smog cada su di esso.

– Usare il phon ad una temperatura bassa (non fredda)

– Usare l’hennè come impacco o come tintura naturale.

– Lavarli a distanza di quanti più giorni possibili, ovviamente vi sembrerà una sciocchezza, ma non è stupida come cosa, specialmente se i vostri capelli sono abituati ad essere lavati tutti i giorni, per le prime settimane bisognerà soffrire un po’ ed allungare l’intervallo tra uno shampoo e un altro, perchè fare sempre shampoo secca sempre più le punte e ingrassa sempre più il cuoio capelluto, siccome il cuoio capelluto, come reazione inversa, tende a ungersi sempre di più siccome lo shampoo aggredisce e secca molto la pelle. Quindi quanto più riuscite ad allungare l’intervallo, tanto più ne godranno i vostri capelli, sono inutili shampoo per capelli grassi, dovete solo pazientare per i primi tempi, legate i capelli per un po’ e cercate di arrivare a 4-5 giorni di intervallo tra uno shampoo  e l’altro.

– Lavare i capelli solo sulla cute e non sulle punte, sulle punte andrà a finire tutta la schiuma del risciacquo.

Diluire il proprio shampoo con dell’acqua, i proporzione 1:1 oppure 1:2.

– Fare una sola passata di shampoo basta, se ne fanno 2 in cui siano stati messi degli oli.

Massaggiare il cuoio capelluto non grattarlo, starci anche più tempo del solito, ma avendo la mano dolce :D.

– Usare shampoo non aggressivi, ed in questo post trovate il suggerimento per i vostri shampoo: Qual è lo shampoo migliore?

– Usare metodi alternativi agli shampoo, cowash, con le erbette indiane, con le uova o la farina di ceci.

-Usare il metodo S&D (Search &DESTROY) per tenere i capelli sani più a lungo, clicca QUI per altre info.

– Per avere i capelli lucenti fare l’ultimo riasciacquo con acqua e aceto o acqua e limone, insomma un risciacquo acido che aiuta a chiudere le cuticole del capello e lo rende lucidissimo.

Penso di aver detto tutto 😀 al prossimo post, e mi raccomando guardare gli altri post in allegato

Suggerimento post:
Schiarire i capelli in modo naturale
Cos’è l’hennè
-Cosa fa male alla nostra pelle? –  parte I e parte II
Cos’è un INCI
Come scegliere lo shampoo migliore
Cos’è il cowash
Lavare i capelli con le erbette indiane
Lavare i capelli con la farina di ceci
Come formulare uno shampoo in casa propria.

Spero di essere stata utile, un bacione da Calliope.

Mi auguro tornerai a trovarmi presto

Per rimanere sempre aggiornati seguimi su facebook (clicca su “Mi piace”)