Dieta a rotazione: il mio enorme FLOP

La coda tra le gambe è diventato ormai il mio stile di vita per ciò che riguarda l’odiata DIETA.

Ebbene per chi non lo sapesse sto seguendo la dieta a rotazione, e il mio “diario” riguardo le diete lo trovate QUI

Sono arrivata angosciata alla fine della prima settimana di dieta a rotazione come saprete, e la seconda settimana non ho seguito per niente la dieta, ci tenevo sempre ad usare solo un cucchiaio di olio al giorno, di non esagerare col sale (non ho mai esagerato col sale in vita mia), di mangiare le porzioncine piccole della dieta, ma se capitava la fetta di pizza l’ho mangiata, o se capitava il bicchiere di coca cola ho bevuto anche quello. Insomma mi sono semplicemente tenuta, ma se avevo voglia di dolce, lo mangiavo, poco, ma lo mangiavo.

Non mi è piaciuta questa dieta, ero entusiastissima i primi giorni, ma per una persona come me questa dieta non è l’ideale. Il problema risiede nel fatto che io mangio per il solo piacere di mangiare. Mangiare mi dona benessere, mi rende felice tutta la giornata, è il momento in cui posso finalmente rilassarmi. Questa dieta invece mi aveva fatto perdere il piacere del cibo, pensavo ai pasti con angoscia, e mi veniva la nausea che non avevo voglia di mangiare. Per più giorni ho finito per mangiare alle 4-5 del pomeriggio perchè non avevo voglia di mangiare, anche se avevo fame (fino a che i crampi allo stomaco erano forti e allora dovevo per forza mangiare, ma avevo un senso di nausea estremo).

Non era una bella situazione e la sconsiglio a tutti, avere fame, e mangiare ciò che non ci piace, mi sentivo insoddisfatta, ma l’insoddisfazione non era solo a tavola, ma diveniva insoddisfazione di un’intera giornata, e più passavo giorni e più la dieta mi sembrava impossibile.

Inoltre vedere che la bilancia (rotta) non mi dava buoni risultati mi arrabbiavo con me stessa, e col mondo, e mi comportavo male con tutti.

La gente dice che chi non riesce a fare una dieta non è abbastanza forte, devo ammetterlo, non lo sono, ma è il mio fisico a rivoltarsi contro, e non è una bella cosa.

Stamattina (lunedì) era il primo giorno della settimana, e avrei dovuto ricominciare la settimana da 600-900 calorie, al solo pensiero mi è venuto il rigetto di questa dieta, non ne ho avuto il coraggio di cominciare, non ne ho avuto la forza, non me la sentivo di stare male nuovamente senza avere risultati, quindi ho lasciato perdere questa dieta.

Non voglio perdermi d’animo, ormai avevo cominciato, quindi devo perdere questi primi 10 chili almeno.

L’ho promesso alle persone a me vicine, e non vorrei nuovamente tornare da chi mi segue sul blog a dire di non avercela fatta.

Ho quindi pensato che andrò da una nutrizionista, ma non per farmi dare una dieta semplicemente, e seguirla, ma per costruire insieme una dieta che non ha delle cose da mangiare ben precise, ma semplicemente delle regole che possono essere seguite sia a casa che fuori casa, che mi permettano di non negarmi troppe cose, e anche se c’è da mangiare davvero poco (perchè io mangio davvero poco, specialmente dopo la prima settimana della dieta a rotazione, il mio stomaco si è rimpicciolito tantissimo), preferisco mangiare poco, ma non togliermi il piacere del cibo, vivrei dei giorni troppo tristi, e la vita è troppo breve per essere anche un solo giorno triste 😛

Mi auguro di riuscirci stavolta, e di non fermarmi facilmente.

Bacioni a tutti, per chi volesse seguire i miei progressi riguardo la dieta, clicca QUI

Bacioni da Calliope.

Per rimanere sempre aggiornata seguimi su facebook (clicca su “Mi piace”)