Le interviste: La storia di Rachele

Effetto rosso freddo con l’hennè

Dopo la storia di Marta, parlerò di Rachele, un ragazza davvero gentile che ha dei capelli favolosi, che ha raggiunto un bel rosso freddo con l’hennè; ovviamente si tratta di hennè senza picramato. Rachele è stata proprio carina e disponibile ad accettare la mia intervista, e sono davvero contenta di parlare di lei.
Ma adesso bando alle ciancie, passiamo subito alle domande, e scopriamo come ha fatto Rachele ad avere questo bel rosso freddo con l’henné.

 

L’intervista

rosso freddo con l'hennè

Un bel rosso freddo tendente al viola al chiuso, e al ciliegia al sole.

 

Ciao Rachele, voglio davvero ringraziarti per la disponibilità a fare questa intervista, te ne sono davvero grata, ma cominciamo subito. Dunque parlaci un po’ di te, e di come sei arrivata all’utilizzo di erbe ayurvediche e quindi all’hennè rosso freddo.

Ciao, grazie a te per avermi notata. Dunque il tutto è iniziato due anni fa grazie a mia mamma: lei aveva qualche capello bianco e non voleva più tingere con le tinte da parrucchiera in quanto i capelli ne risentivano molto. Così ha deciso di provare con l’henné e dopo mille tentativi è riuscita a convincere anche me che non volevo assolutamente in quanto anni prima ne avevo provato uno comprato dall’erborista e mi ero trovata davvero male.

 

È la prima volta che sento che una madre convince la figlia, generalmente sento sempre il contrario, e mi fa davvero sorridere questa cosa. Quale henné avevi comprato che non ti aveva soddisfatto e perché?

Si in effetti non è usuale la cosa eheheh. Ne avevo comprato uno sfuso e sinceramente il problema credo fosse il picramato, nonostante mi era stato detto fosse henné puro; dopo nemmeno due settimane infatti ha cominciato a scolorirsi e in modo non omogeneo, un disastro insomma.

 

Si davvero un disastro, meglio che tua madre ti ha fatto cambiare idea. Qual era la tua base di partenza e quale l’effetto desiderato?

capelli pre hennè

Base dei capelli di Rachele prima di fare l’hennè

La base di partenza è un castano/biondo scuro. In realtà non avevo una preferanza: il rosso mi piace sia rame che ciliegia 🙂

 

Dal biondo al rosso freddo

Ma come si può vedere dalle foto, hai raggiunto un rosso freddo con l’hennè, tendente al ciliegia/viola. Come hai fatto ad arrivare a questo meraviglioso colore?

Si alla fine credo che sia il colore che mi sta meglio! Per arrivare a questo colore ho sempre usato lo zarqa, di base, e poi a volte ho messo anche ibisco e poudre d’orcanette, ora invece sono tre mesi circa che uso zarqa e morgana. In miscela circa 50-50 e a volte solo il morgana o solo lo zarqa 🙂.

 

Parlami del morgana. Io sono sempre alla ricerca del rosso caldo, mentre invece è possibile raggiungere un bel rosso freddo con l’hennè Morgana, anzi più che hennè si può dire una miscela; come ritieni che sia il Morgana e quanto lo tieni in posa?


Allora come rosso freddo direi che è ottimo! È un mix di lawsonia inermis, shikakai, brahmi, harad, bringraj e amla. È cremossimo e facilmente spalmabile (infatti io non uso nemmeno il pennello ma vado direttamente con le mani); difficilmente si creano grani. Di solito lo tengo in posa 4/5 ore e lo preparo con sola acqua calda (non bollente) senza lasciare ossidare.

rosso mogano hennè

 

Davvero molto interessanti queste informazioni. Il colore varia nei giorni seguenti all’impacco? Inoltre fai risciacqui particolari al lavaggio? Ogni quanto fai l’henné?

Mi sembra proprio che non vari nei giorni seguenti, come lo vedo appena fatto lo vedo fino alla fine. Non faccio risciacqui particolari, però uso solo e shampoo e balsamo bio. L’hennè lo faccio circa ogni tre settimane, non tanto per il colore ma perché mi piace come li cura.

 

 

Immagino che li trovi più lucidi e forti (io adoro l’hennè per questo motivo). Fai altri impacchi oltre l’henné? Usi erbe ayurvediche?

Esatto! Più lucidi, più forti, meno forfora e crescita più veloce. Faccio altri impacchi con oli, burri, fieno greco, avocado e anche con il miele.

 

Il suo suggerimento

La tua intervista mi ha dato tanti spunti, e penso che come a me, sicuramente avrà aiutato tantissime altre persone. Abbiamo quasi finito con l’intervista, grazie tantissimo per la tua disponibilità. Ma avrei un’utlima domanda da farti: che suggerimento daresti a chi si sta per approcciare all’henné per avere un rosso freddo come il tuo?

Prima di tutto direi di non demordere se alle prime applicazioni risulta un tono caldo: anche a me risultava rame agli inizi ma poi pian piano ho virato ad un tono freddo. Ma soprattutto io direi che ne vale la pena! I capelli sono come rinati da quando uso l’henné e non ho praticamente doppie punte!! Il sogno di ogni ragazza insomma 🙂Infatti si, davvero è fenomenale l’henné.
capelli rosso ciliegia rosso freddo con hennè
La stratificazione permette di avere un rosso freddo con l’hennè, e più stratifica e più vira nel tono freddo, e solo il tempo aiuta.

Grazie tantissimo per l’intervista. Sei stata davvero gentile e disponibile.

Figurati! È stato un vero piacere


Spero che la rubrica “Le interviste” vi sia piaciuta. Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi attraverso i profili social oppure tramite il modulo contatti.

Come schiarire i capelli naturalmente

Sherazade, cos’è? Come funziona?

Hennè con picramato

 

Sarei davvero contenta se supportassi la mia pagina facebook.

Grazie da Calliope

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...