Bambini e smartphone
Bambini

Bambini e smartphone: quando è giusto comprarlo?

Ai giorni d’oggi è sempre più comune imbatterci in bambini, anche molto piccoli, sia per strada, nei ristoranti, nei parchi che utilizzano uno smartphone o un tablet. Attualmente non possiamo prescindere dal fatto che questa generazione denominata dei cosiddetti nativi digitali sia influenzata fortemente e circondata da tecnologia e che sin dalla più tenera età si sia totalmente immersi e completamente bombardati da stimoli di tipo multimediale.

Arriva in un certo momento l’età per cui i figli iniziano a chiedere continuamente un proprio cellulare perché “ce l’hanno tutti”. Lo desidera così tanto ed un genitore non sa mai come comportarsi perché se da una parte vorrebbero far felice e contento il proprio bimbo dall’altra è naturale chiedersi se sia effettivamente giusto acquistarne uno ponendosi poi delle domande anche sulle possibili conseguenze che questa scelta potrebbe poi comportare.

La digitalizzazione sin dalla nascita

Attualmente il 98% dei ragazzi tra gli 11 e i 18 anni è in possesso di un cellulare personale. E di solito intorno ai 9 anni di età ricevono il primo smartphone con un accesso di tipo estremamente facilitato e soprattutto in modo continuativo alla rete decidendo di aprire il primo dei profili social. Questi sono dei dati tratti dall’ Osservatorio Nazionale Adolescenza. Oltre a quello di tipo personale dobbiamo anche parlare dell’aspetto di tutti quei bambini piccoli che iniziano a digitare i tasti dello schermo dei dispositivi  che appartengono ai genitori. Infatti prima ancora di ricevere il loro primo smartphone personale iniziano ad utilizzare quello di qualcun altro e spesso i genitori non sembrano di poterne fare a meno e lo propongono ai propri figli o accettano che loro lo utilizzino per farli stare buoni o per calmare dei capricci o anche per poter sentirsi più vicino a loro mentre si lavora o quando, ad esempio, in caso di genitori separati, quando stanno con uno dei due.

Qual è l’età giusta per comprare lo smartphone ad un figlio

Prima di dare in mano ad un bambino uno smartphone dovremmo porci tutta una serie di domande e considerare sia le risorse che i pericoli che potrebbero portare ad un uso disfunzionale e che può essere fatto dei dispositivi elettronici. Nonostante questo fin dalla tenera età girano con il telefono in mano e comunicano con le app tipo Whatsapp e utilizzano le varie app. Non esiste un età giusta ed uguale per tutti ma di sicuro dovrebbero aver raggiunto un certo livello di tipo evolutivo per un uso di tipo consapevole e sano dello smartphone e bisogna aver sviluppato una capacità critica per riuscire a valutare se un contenuto possa essere pericoloso o meno, adatto o meno alla propria età e riuscire a comprendere che dall’altra parte dello schermo ci possa essere chiunque, anche malintenzionate e devono avere la capacità di sapersi difendere da eventuali attacchi od offese che potrebbero ricevere nelle chat, anche dagli amici stessi.

L’educazione digitale

Quindi più che individuare un’età specifica dobbiamo imparare ad educare i nostri figli adeguatamente al digitale. Infatti sarà indubbio che prima o poi ne faranno uso. Ed è quindi importante che conoscano tutto e che possano imparare insieme a noi tutto ciò che si potrebbe incontrare. Il dialogo genitori figli quindi deve essere sempre prioritario per affrontare questo tipo di problematiche. Il negarlo e basta porterebbe nostro figlio a volerlo per un senso di sfida o di scoperta di qualcosa di misterioso. Invece affrontarlo insieme sarà un modo anche per suggellare il nostro rapporto con i nostri ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *