Bambini e studio a casa
Bambini

Bambini e studio a casa: come coordinarsi al meglio

Con la recente emergenza dovuta al Coronavirus che ha attraversato il nostro pianeta senza eccezioni e la chiusura delle scuole, molti genitori hanno dovuto, immancabilmente affrontare la situazione della chiusura delle scuole e quindi si sono dovute organizzare. Non essendo stato un breve periodo, lo studio a casa, che di per sé è già complicato, lo sconvolgimento delle normali abitudini di vita quotidiana ha reso il tutto ancora più ostico. Può però questa essere un’ottima occasione per promuovere una maggiore autonomia e anche aggiungere una dose creatività nello studio.

Le video lezioni come anche l’utilizzo di nuove applicazioni per potersi esercitare ha permesso a bambini e ragazzi di scoprire anche i propri talenti stimolando il piacere di apprendere in modo non convenzionale e anche di accrescere il potere dell’auto disciplina e dell’auto regolazione. Una delle cose fondamentali sarà quella di mantenere il ritmo di concentrazione. Interrompere infatti in modo completo lo studio sarebbe dannoso per i nostri ragazzi specialmente durante la ripresa visto che il carico degli impegni scolastici sarebbe troppo grande.

Avendo più tempo i compiti a casa saranno quindi un’ottima occasione per acquisire autonomia nello studio. Se è importante non perdere il ritmo lo sarà anche imparare a stare in un tempo che per forza di cose sarà più dilatato.

Organizzazione

La parola d’ordine per non perdere la bussola è una strategia organizzativa mirata con dei punti ben precisi da seguire. Questo porterà ad essere più efficienti e di non sprecare le nostre energie e quelle dei nostri figli.

Fare un planning giornaliero: Non dovremo farlo più lungo perché potremmo rischiare di non portarlo a termine, quindi molto meglio programmarlo e adattarlo giorno per giorno mantenendo comunque dei punti fermi.

Il planning va stabilito insieme ai nostri figli: Facendo questo insieme ai nostri figli sarà un’ottima occasione per insegnare ai nostri ragazzi di gestire al meglio il tempo. Scegliendo infatti insieme a loro i migliori momenti da dedicare durante la giornata ai compiti li renderà anche più motivati e autonomi non vivendo questo planning come un’imposizione ma come un patto da rispettare

La ricompensa: Se i vostri figli avranno rispettato l’impegno che ha preso con noi dimostrando anche autonomia meriterà di sicuro un premio. E sarà sempre meglio cercare un rinforzo positivo rispetto ad una punizione qualora non avesse seguito il programma fatto insieme. La ricompensa andrà data in base all’impegno e non in base all’esecuzione. Non importa se non sia riuscito a risolvere il problema di matematica ma che avrà mantenuto l’impegno di cui si è fatto carico.

Pochi esercizi ma su ogni argomento: Ci converrà sempre toccare molte materie per poco tempo rispetto a dedicare tutto il tempo ad una sola. Questo servirà a mantenere più vivida la concentrazione.

Incentivare lo studio con i compagni: La tecnologia ci viene in aiuto. Affrontare infatti lo studio con i compagnia, magari attraverso Skype o una videochiamata Whatsapp saranno di sicuro più motivati e mantenendo anche vivo lo scambio con i proprio coetanei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *